Performance artistica e coscienza ecologica

Il corpo incontra l’ambiente

11,30

su

Descrizione

Lo scritto delinea un percorso specifico all’interno dei linguaggi del corpo, che ha come filo conduttore la relazione tra l’essere umano e l’ambiente circostante; non come spazio in senso generale, bensì come Natura, luogo della sua origine materiale e meta spirituale a cui fare ritorno. L’intento è quello di offrire una prospettiva inedita dell’arte performativa, selezionando solo alcune tipologie di lavori, che sconfinano concettualmente nel progetto ambientale che anima la Land Art. L’accettazione del corpo come limite e la ricerca del respiro universale della terra sono alla base di un pensiero forte sul sé, l’altro e il mondo, che il saggio cerca di analizzare attraverso una selezione di artisti e opere, al fine di riconoscere un contributo attivo dell’arte contemporanea alla formazione di una coscienza ecologica.

Introduzione
1. L’arte performativa. Il corpo come strumento naturale di creazione artistica
2. L’immersione organica nelle ricerche degli anni Sessanta e Settanta
3. La relazione corpo-natura: la nascita di una visione ecologica all’interno della Body Art
4. I maggiori interpreti della poetica del “corpo naturale”
5. Ricerche e prospettive attuali. Attivismo ed ecofemminismo
Bibliografia